Etichettato: battisti

Destra-Sinistra. Basta!

È evidente che la gente è poco seria quando parla di sinistra o destra

Questo verso di Gaber è da un po’ di tempo che fluttua silenzioso nei pensieri di molti e in queste settimane la verità del cantautore milanese si è fatta ancora più strada nelle concezioni di tante persone.

Prima le elezioni siciliane con il successo dei grillini, poi le elezioni statunitensi con la conferma di Obama.

Sempre più spesso, ormai, capita che ogni elezioni di ogni tipo è sempre un testa a testa. È chiaro, dunque, che se in linea di massima le idee politiche dovrebbero essere divise in Destra e Sinistra il mondo appare diviso pressoché

in modo equo. Se però è assodata l’esistenza di PD e Pdl in Italia o di Democratici e Repubblicani negli Stati Uniti, e quindi di partiti che si dichiarano di uno e dell’altro schieramento, cosa accade quando arrivano i grillini: sono di Destra o di Sinistra?

Qualcuno li ha paragonati alla prima Lega Nord, ma la Lega Nord nasce come partito di Destra o di Sinistra?

Bossi, per rispondere a questo accostamento, ha dichiarato che non hanno niente a che vedere con il Movimento 5 Stelle perché loro hanno sempre avuto un obbiettivo, che è quello dell’indipendenza della Padania, che Grillo non ha:

ma porsi come punto d’arrivo della propria politica la scissione dell’Italia e di Destra o di Sinistra?

In Sicilia, da una costola del Pdl (Miccichè & co.), è nato Grande Sud che, paragonandosi alla Lega, si è dato la definizione di “partito territoriale”: i partiti territoriali sono di Destra o di Sinistra?

Tutta questa confusione fa pensare che forse le vecchie e nobili divisioni fra Destra e Sinistra non esistano più e che Gaber aveva capito tutto quando cantava “tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra, è evidente che la gente è poco seria quando parla di sinistra o destra”. Dopo la dura verità il Signor G partiva con un elenco quasi comico di cose insensatamente sinistroidi o destroidi:

Fare il bagno nella vasca è di destra,

far la doccia invece è di sinistra,

un pacchetto di Marlboro è di destra

di contrabbando è di sinistra

La sensazione è che l’essere di Destra o di Sinistra preceda l’avere questo o quel pensiero: sei di destra e quindi dato che il politico x di destra ha detto che l’Imu non va bene allora pensi che l’Imu non vada bene; sei di sinistra e quindi ti adegui al politico y di sinistra che sostiene di dover cambiare al più presto la legge elettorale.

Si sceglie prima se essere di Destra o di Sinistra e poi non ci si sforza di farsi una propria idea sulle questioni politico-sociali ma ci si adagia sul pensiero di altri. Che poi questi altri, i politici di alto rango, nemmeno hanno ben chiara la situazione: se l’avversario di turno dice A loro non prendono neppure in considerazione l’idea che A potrebbe essere una buona idea, ma si affrettano a dire B.

E cosi l’essere di Destra o di Sinistra si limita a cose banali: si è considerati di sinistra se si ascoltano cantautori come Guccini, De Andrè o lo stesso Gaber, si è considerati di destra se si ascolta Battisti o i Queen.

Tralasciando poi chi sceglie di essere di destra ma non è immune al fascino delle icone di sinistra: a chi scrive è capitato di trovarsi di fronte ad un “cheguevarista-fascista”, cosi si è definito!

In questo confuso mondo ideologico-politico è da apprezzare Grillo e i grillini per un semplice fatto: non si schiereranno ne con la Destra ne con la Sinistra. Dopo le elezioni siciliane, infatti, il candidato governatore Cancelleri ha affermato che in assemblea non faranno alleanze preventive con nessuno ma valuteranno proposta per proposta chi appoggiare e faranno le loro di proposte. Di certo una posizione logica: ci si fa una propria idea su una questione e poi si decide di dare manforte a chi la pensa ugualmente, sia esso di destra o di sinistra. Sarà poi la storia ad affibbiare a questa o quella ideologia l’appellativo di Destra, di Sinistra, di Sopra o di Sotto.

A ben pensarci nel momento in cui nacquero la Destra e la Sinistra fu soltanto per una questione di comodità, perché tutti coloro che la pensavano in un certo modo si disposero casualmente da uno o dall’altro lato. La distinzione Destra e Sinistra serve solo se “sottomessa” alle idee, al pensiero.

Destra-sinistra
Destra-sinistra
Basta!

Annunci

Lynyrd Skynyrd: un’originale scoperta

Da quando quel giorno ti sei messo ad ascoltare Sweet Home Alabama dall’album Radio Freccia il nome dei Lynyrd Skynyrd te lo ritrovi ovunque.

Di musica ne mastichi, i principali esponenti del rock più o meno li conosci, ma quel gruppo non hai mai avuto modo di ascoltarlo.

Un giorno ti regalano Delitti rock di Ezio Guaitamacchi e leggendolo trovi proprio quello strano nome.

“Ma guarda la!”

Scopri che la loro non è la storia di una “sciocca” morte rock ma qualcosa di forte, di tragico. La storia ti incuriosisce ma la dimentichi presto. O così sembra.

Dopo qualche tempo ti ritrovi al computer con un’amica che si diverte di tanto in tanto a scovare “nuove” vecchie canzoni. Trova i Lynyrd Skynyrd e chiede informazioni a te. “Li ho sempre sentiti nominare ma a parte una canzone non li ho mai ascoltati”. A casa fai una capatina su Wikipedia e subito ti ricordi di quell’incidente aereo che tanto ti aveva colpito.

La cosa strana è che quando poi ti metti a fare pulizie straordinarie in camera tua e ti metti a spolverare uno per uno tutti i vecchi dischi in vinile che un tempo appartenevano a tuo padre ti ritrovi tra le mani proprio un disco dei Lynyrd Skynyrd.

Quella collezione già di per se strana che mischia con disinvoltura Battisti, Celentano, De Gregori a Deep Purple, Jimi Hendrix e Procol Harum, che spazia da Louis Armstrong a Gabriella Ferri, ti riserva questa sorpresa.

E così che poi passi la domenica mattina, nei tuoi programmi del sabato destinata allo studio, ad ascoltare il disco e a scrivere questo post.

E a chiederti se i Lynyrd Skynyrd sono stati fin ora una tua grave lacuna musicale o un semplice sfizio di tuo padre che un giorno del 1977, dopo aver letto sul giornale quella tragica storia, passò in negozio a comprare quel disco che forse mai prima di oggi aveva ricevuto le carezze della puntina del giradischi.