Le chiamavano Bocche di Rosa

da OBIETTIVO Affari&Notizie, GIUGNO 2011

Passando per lo svincolo autostradale di Mulinello, parafrasando De Andrè, “tutti si accorgono con uno sguardo che non si tratta di due missionarie”. Ma se Bocca di Rosa “lo faceva per passione”, non c’è alcun dubbio che le due ragazze che da qualche settimana stazionano nei pressi dello svincolo di Mulinello fanno parte, nella classificazione del cantautore genovese, di coloro che “l’amore” se lo “scelgono per professione” (anche se in questo caso di scelta non si può certamente parlare).

Spesso nei giornali locali leggiamo di arresti per spaccio di sostanze stupefacenti; capita frequentemente di assistere a liti furiose davanti ai locali più affollati, magari dovute a qualche bicchiere di troppo; a volte ci scappa pure il morto con qualche omicidio. Ma da qualche tempo il catalogo dei possibili reati a Leonforte e dintorni si arricchisce di un nuovo “servizio”: la prostituzione.

Viene da chiedersi: perché proprio adesso? Magari la mentalità chiusa di cui spesso veniamo accusati ha fatto da scudo fin’ora all’avvento di tante “bocca di rosa” o magari il parlar così tanto di escort, e sentirle accostate a nomi cosi importanti dello scenario nazionale, ha fatto pensare che non è poi cosi grave, ogni tanto, “conoscerne” qualcuna. Fatto sta che “una notizia un po’ originale non ha bisogno di alcun giornale” e il fenomeno non ha impiegato molto a diffondersi, tanto da portare le forze dell’ordine ed appostarsi e fotografare le auto che si accostavano con le due ragazze (chissà, forse per chiedere un’indicazione stradale!).

Non sappiamo se l’arrivo a casa di una multa provocherà “l’ira funesta delle cagnette” a cui è stato “sottratto l’osso”, di certo consigliamo alle ragazze di ascoltare la canzone di De Andrè che le istruirà, in quanto presumibilmente extracomunitarie, su usi e costumi della società italiana: capiranno cosi di non potersi fidare delle “comari di un paesino” che “non brillano certo in iniziativa” e che “spesso gli sbirri e i carabinieri al proprio dovere vengono meno, ma non quando sono in alta uniforme”.

Speriamo però che alla stazione di Pirato non ci sia nessuno “con gli occhi rossi e cappello in mano” e che non si sfoggi nessun “cartello giallo con una scritta nera”. Auguriamo infine alle due ragazze di trovare “alla stazione successiva molta più gente di quando partiva (no)” ma preferibilmente nessuno che si “prenoti per due ore”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...